Bonus nido 2017, domande dal 17 luglio

bonus nido 2017bonus nido 2017

Finalmente le famiglie che vogliono richiedere il Bonus nido 2017 previsto in 1000 euro per undici mensilità sanno da quando sarà possibile richiederlo. Ecco come presentare domanda

Il Bonus nido è una delle forme di sostegno al reddito più attese del 2017 e ora sappiamo anche quando sarà disponibile.

Dal 17 luglio 2017 infatti verrà attivata la cosiddetta “procedura di acquisizione delle domande” che potranno essere trasmesse all’Inps solo in via telematica come ha fatto sapere lo stesso Istituto di previdenza.

Il contributo alle nascite però è comunque retroattivo e quindi sarà garantita anche la fase transitoria dal 1° gennaio 2017 fino alla data di rilascio senza nessuna penalizzazione per chi ne ha i requisiti, sin base alle disposizioni contenute nel Decreto attuativo pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 18 aprile 2017. E comunque la domanda on line potrà essere presentata fino al 31 dicembre 2017.

Ma quali sono i canali attraversi i quali inoltrare la domanda?

Il primo è il web, attraverso i servizi telematici accessibili al cittadino tramite PIN sul portale www.inps.it. Ma si potrà utilizzare per l’autenticazione anche il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) oppure la Carta Nazionale dei Servizi. E ancora il Contact Center, chiamando il numero verde 803.164 che è gratuito da rete fissa oppure 06.164.164 da rete mobile, con tariffazione a carico di chi chiama. Infine attraverso in comune Patronato.

Per facilitare la compilazione, nella sezione ‘Moduli’ del sito www.inps.it è disponibile anche una scheda informativa: infatti nella domanda il richiedente dovrà indicare a quale dei due benefici intende accedere, cioè ‘Bonus contributo asilo nido’ oppure ‘Introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione’ che è una misura specifica a favore dei bambini affetti da gravi patologie croniche. Nel caso di bonus per più figli sarà necessario presentare una domanda per ciascuno.

Liquidazione del bonus nido

Il Bonus nido 2017 viene corrisposto direttamente dall’Inps che provvede al pagamento dell’importo, fino ad un massimo 1.000 euro destinato al pagamento della retta relativa alla frequenza di un asilo nido pubblico o privato autorizzato.

Il pagamento avverrà con cadenza mensile, direttamente sul conto del beneficiario fino a raggiungere l’importo massimo mensile. E per ogni retta mensile pagata e documentata il genitore avrà diritto ad un contributo mensile massimo di 90,91 euro, dividendo i 1.000 euro in undici mensilità e comunque il contributo mensile non potrà comunque superare la spesa sostenuta per il pagamento della singola retta. Quindi nel caso in cui la retta mensile sia inferiore a 90,91 euro, il richiedente avrà diritto ad un contributo pari esattamente alla spesa sostenuta

Inoltre il premio asilo nido non è cumulabile con la detrazione prevista dall’articolo 2 (comma 6) della legge 22 dicembre 2008 sulle detrazioni fiscali per la frequenza asili nido. Quindi l’Inps comunicherà per tempo all’Agenzia delle Entrate l’avvenuta erogazione.

Il bonus invece è cumulabile con i benefici della legge n. 232 del 2016, ma non può essere erogato, nel corso dell’anno, in mensilità coincidenti con quelle di fruizione degli stessi. Quindi nella domanda on line il richiedente dovrà autocertificare l’esistenza di queste specifiche condizioni.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

avvocato Imperia Sanremo – licenziamento